Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi

Residenza Sanitaria Assistenziale

Quando è il momento di farsi sostenere

Gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi, ONLUS, da più di quattrocento anni prestano la loro attività, ispirata fin dalla loro fondazione ai valori della carità cristiana, a servizio della persona anziana.

Impegnati per supportarti e
assisterti

Gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi da più di quattrocento anni prestano la loro attività, ispirata fin dalla loro fondazione ai valori della carità cristiana, a servizio della persona anziana.
Oggi, più che non in passato un anziano che perde la propria autonomia per un evento traumatico improvviso o per una malattia degenerativa, necessita di trovare accoglienza in strutture confortevoli, qualificate e in grado di offrire risposte assistenziali e sanitarie adeguate.
Con professionalità, competenza e passione gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi sono impegnati quotidianamente a prendersi cura di ogni ospite, con l’obiettivo di preservarne le capacità residue, offrendo prestazioni medico-specialistiche-riabilitative volte a prevenire, risolvere o ritardare l’insorgenza di eventi invalidanti.
Con il contributo di tutte le professionalità definiscono e aggiornano progetti di intervento personalizzati, individuali o di piccolo gruppo. Promuovono la formazione e l’aggiornamento del personale con particolare attenzione alla crescita personale e professionale di tutti gli operatori. Favoriscono il mantenimento dei legami degli ospiti con la famiglia e le reti amicali, anche attraverso l’apporto del volontariato, affinchè gli Istituti non siano solo un luogo di cura e assistenza, ma un luogo di vita, aperto alla collaborazione di tutti.

Iscriviti alla Newsletter

I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter.

Chi siamo


Una struttura ben organizzata per la cura dell'anziano

Gli Istituti sono un ente senza scopo di lucro, diretto da un Consiglio di Amministrazione (CdA) che si avvale della collaborazione della Direzione Generale e della Direzione Sanitaria.
Nell’aprile 2018 si è insediato l’attuale CdA composto da sette membri, di cui due nominati dal Comune di Lecco, due nominati nominati da un Comitato composto dal Vicario Episcopale, dalla Camera di Commercio, dalla Fondazione Comunitaria del Lecchese e dalla Fondazione Frassoni, due nominati dall’Associazione Amici degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi, e il Parroco pro-tempore della Parrocchia di Acquate.


CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN CARICA
Giuseppe Canali Presidente giuseppe.canali@airoldiemuzzi.it
Rosaria Bonacina Vice-Presidente rosaria.bonacina@airoldiemuzzi.it
Emilio Amigoni Consigliere
Fernanda Castellani Consigliere
Mario Galli Consigliere
Alfredo Vassena Consigliere
Don Carlo Gerosa Consigliere
DIRETTORE GENERALE
Fulvio Sanvito fulvio.sanvito@airoldiemuzzi.it
DIRETTORE SANITARIO
Dott. Andrea Millul andrea.millul@airoldiemuzzi.it
Revisore Unico
Dott. Pierangelo Bonfanti
Presidente Organismo di Vigilanza (D.lgs 231/01)
Dott. Pierangelo Bonfanti odv231@airoldiemuzzi.it

All’interno degli Istituti sono presenti anche una comunità delle “Suore di Carità delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa” dette “Suore di Maria Bambina” e un cappellano a supporto dell’assistenza spirituale degli ospiti.

Tour virtuale

Fai il tuo tour virtuale dell'istituo

Clicca qui per iniziare il tuo tour

clicca una delle precedenti strutture per visualizzare il tuor virtuale

News ed Eventi

Il servizio del TG1 RAI sul progetto sassi dipinti
Il giornalista Giuseppe La Venia di Rai TG1 presente, nella mattinata del 7 aprile 2021, nel nostro parco per registrare un servizio sul Progetto “Da zero a cento Un sasso dopo l’altro”
I piccoli alunni della Scuola dell’infanzia Asilo Monumento accompagnati dalle loro insegnati hanno posato i loro sassi nel parco e cantato una canzoncina per salutare gli ospiti.
Presenti Angela Fortino, Presidente Associazione scuole dell’infanzia paritarie di Lecco e il prof Massimiliano Craia, Dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Lecco 3 Stoppani.
Guarda il servizio del TG1


07 apr 2021
Coloriamo i sassi: un nuovo progetto in collaborazione con le scuole

Nel mese di Aprile il nostro bellissimo parco si riempirà di colore!

Parte il progetto "Da ZERO a CENTO Un sasso dopo l'altro"!


I nostri Istituti in collaborazione con l’Associazione scuole dell’Infanzia paritarie di Lecco e  le Scuole Primarie dell'Istituto Comprensivo Stoppani Lecco 3, durante questo mese decoreranno alcuni sassi che verranno disposti lungo i percorsi del nostro parco.

Un’idea per rendere più attraenti le uscite dei nostri ospiti nel parco: sono già tutti pronti a scoprirli durante le loro passeggiate.

L’idea è nata da un progetto simile ideato da Heidi Aellig diffuso in Italia attraverso Facebook: “Un sasso per un sorriso”.

L’iniziativa prevede che le persone interessate dipingano alcuni sassi per poi lasciarli in posti visibili come panchine, sentieri, aiuole, per regalare un sorriso a chi li trova. Sul sasso è possibile scrivere anche un pensiero o una frase.

Abbiamo colto l’occasione per ideare il progetto insieme all’Associazione Scuole dell’Infanzia di Lecco di cui fanno parte sedici scuole dell’infanzia e alle Scuole Primarie dell'Istituto Comprensivo Stoppani Lecco 3: “Cesare Battisti Acquate - “G. Oberdan” di Belledo - “Nazario Sauro” di Germanedo - “Silvio Pellico” Malnago - "La Nostra Famiglia" sede di Lecco

I nostri anziani e i bambini delle
 scuole decoreranno i sassi che
 verranno situati lungo i percorsi
 del nostro splendido parco, rendendo le uscite degli ospiti più interessanti e accorciando le distanze tra le due generazioni in attesa di poter condividere le passeggiate insieme.


23 mar 2021
E' PASQUA: SORPRENDIAMOCI VICINI

Anche in questi mesi è proseguita la collaborazione con l’Istituto Bertacchi di Lecco per il Progetto "Distanti, ma non soli"

Una nuova fase che ha visto gli studenti impegnati a realizzare e condividere gli auguri pasquali con gli ospiti.

Ecco il progetto:

Verso la fine di febbraio 2020, ormai un anno fa, un ospite inatteso e quanto mai sgradito entrava a far parte della nostra quotidianità. Probabilmente, pochi di noi ipotizzavano che dodici mesi dopo il Covid-19 avrebbe continuato a condizionare le nostre vite, limitando soprattutto la possibilità di relazionarci, di stare insieme senza doverci preoccupare delle distanze fisiche e con la necessità di coprire i nostri sorrisi. La speranza legata all’arrivo dei vaccini ci fa intravedere la luce in fondo al tunnel e incentiva la nostra voglia di tornare ad una parvenza di normalità. Tuttavia, le difficoltà che abbiamo incontrato ci hanno anche aiutato a comprendere meglio la nostra fragilità e a prendere maggiore consapevolezza che nel mondo globalizzato le interdipendenze si moltiplicano e le sfide future andranno affrontate insieme, con una via comune che non lasci indietro “nessuno”. Durante quest’anno difficile, per gli studenti dell’IIS Bertacchi questo ipotetico “Nessuno” ha assunto le sembianze di una delle categorie sociali più colpite dalla pandemia, ossia gli anziani. Il progetto “Distanti, ma non soli”, infatti, è nato come risposta educativa ad una situazione inedita, con l’obiettivo di aiutare i nostri studenti ad “alzare lo sguardo” dalle proprie legittime difficoltà quotidiane per incrociarlo, seppur metaforicamente e a distanza, con le persone più fragili facendole sentire meno sole.

Questa bella e proficua collaborazione tra gli “Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi” di Lecco, il “Polo Frassoni” e l’IIS “G. Bertacchi” continua in vista delle festività pasquali. “E’ Pasqua: sorprendiamoci vicini” vuole essere un ulteriore momento di crescita umana ed esperienziale per gli studenti, in cui testimoniare il proprio affetto e la propria vicinanza agli ospiti delle due strutture lecchesi.

In cosa consiste questa quarta fase del progetto “Distanti, ma non soli”?

Gli studenti dell’IIS Bertacchi costruiranno un uovo per ogni piano di ciascuna residenza degli Istituti Airoldi e Muzzi e uno per il Polo Frassoni. All’interno di ogni uovo verranno collocati i messaggi d’auguri che le classi coinvolte prepareranno in vista della Santa Pasqua.

Le uova saranno consegnate entro il 31 marzo e poi aperte con gli ospiti.

Si potranno inoltre inviare video augurali utilizzando Whatsapp al numero 328-2393481.

Sarà un modo per sorprenderci vicini nonostante le distanze, con la viva speranza che il prossimo passo sia quello di incontrarci personalmente!

I referenti del Progetto

Stefano Sangalli

Luisa Palma

18 mar 2021
“La Breva” un nuovo strumento di comunicazione

Il lungo periodo di isolamento, causato dalla pandemia, non solo ha reso difficile mantenere vive le abituali relazioni esterne dei nostri Istituti, ma ha anche interrotto la socializzazione tra gli ospiti delle varie Residenze.

Sono venute a meno le occasioni di incontro quali, ad esempio,  le attività di animazione che si svolgevano con la presenza di  numerosi ospiti. E’ stata sospesa l’attività del bar La Gerla d’Oro e la presenza di tanti volontari.

Questo ha ridotto le occasioni di incontro, limitando le relazioni tra gli ospiti esclusivamente all’interno del proprio nucleo abitativo. 

Per promuovere il senso di appartenenza alla comunità, riprendere la comunicazione tra residenze e  la condivisione di informazioni sugli eventi degli Istituti, ci è sembrato opportuno  realizzare  un giornalino che sarà pubblicato, a partire dal mese di marzo, con cadenza mensile. 

Un titolo, “La Breva”,  che  vuole essere una ventata di aria fresca per tutti. 

Sarà occasione di  partecipazione e coinvolgimento degli ospiti nella realizzazione del progetto promuovendo le loro abilità e valorizzando le loro storie di vita.

Trovate il primo numero pubblicato sul sito  a questo link:

http://www.airoldiemuzzi.it/public/giornalino/1614607494_db346ccb62d491029b590bbbf0f5c412.pdf

e il numero 2 di Aprile a questo link:

http://www.airoldiemuzzi.it/public/giornalino/1617101237_7298332f04ac004a0ca44cc69ecf6f6b.pdf





01 mar 2021
La generosa solidarietà dei Lions Club Lecco San Nicolò e Lecco Host agli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi, agli ospiti e ai loro familiari

I Lions Club Lecco San Nicolò e Lecco Host hanno scelto di intervenire con un significativo contributo liberale di 10 mila Euro per sostenere gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi nell’allestimento di due spazi destinati ai colloqui protetti ospiti/familiari.




I due spazi sono stati realizzati in due diversi padiglioni. Uno è stato collocato nell’atrio della Residenza Bettini, dividendo il locale con una vetrata che separa lo spazio destinato ai familiari da quello degli ospiti, permettendo ai familiari di accedere al locale direttamente dall’esterno, senza entrare negli spazi destinati all’ospitalità. L’altro spazio è stato ricavato nel corridoio che mette in comunicazione la Residenza Resegone con il Bar e la Residenza Le Grigne: anche in questo caso una vetrata separa il corridoio dallo spazio per i familiari che accedono direttamente dal cortile di fronte al bar. Entrambi i locali sono stati dotati di impianto di amplificazione, che consente una buona comunicazione e favorisce il dialogo.

 

 “Abbiamo voluto sostenere questa iniziativa – spiega il presidente dei Lions Club Lecco San Nicolò, Dott. Romolo Gadaldi – per esprimere concreta vicinanza alle persone anziane minacciate dal virus e ai loro familiari. Siamo felici di aver contribuito, in questo momento così difficile, al vostro impegno nel prendervi cura delle persone più deboli, favorendo la possibilità per i vostri ospiti di mantenere, sia pure a distanza, un rapporto con i loro familiari”.

 

“Siamo contenti di aver contribuito ad alleviare le sofferenze psicologiche e il senso di abbandono che possono esserci negli anziani così a lungo costretti a non vedere fisicamente i loro cari. È questo il senso del nostro Service a favore della comunità”, sottolinea Massimo Radici, presidente dei Lions Club Lecco Host.

 

“Siamo grati ai Lions Club di Lecco per questo gesto di straordinaria generosità. – affermano il presidente Giuseppe Canali e la vicepresidente Rosaria Bonacina - Non è la prima volta che i nostri Istituti sono fatti oggetto di importanti donazioni da parte di club di servizio del territorio. Questo attesta non solo l’attenzione da parte delle realtà più vive in ambito sociale verso i nostri Istituti, ma anche il ruolo che ci viene riconosciuto per la funzione di caregiver che concretamente, ogni giorno, esercitiamo, grazie alla passione, all’impegno e alla professionalità di tutto il nostro personale”.

 

 

16 dic 2020
Comunicato Stampa - DISTRETTO DI LECCO e AMBITO DISTRETTUALE DI LECCO

Gli enti Istituzionali di rappresentanza dei Comuni intendono ribadire pubblicamente stima e solidarietà nei confronti degli istituti Riuniti Airoldi e Muzzi di Lecco, ente che da sempre è impegnato nell’assistenza agli anziani, garantendo un riferimento per moltissime famiglie e persone, la piena collaborazione con i Servizi Sociali, il rispetto della dignità di ogni persona.

Da alcune settimane l’Istituto è al centro di un attacco mediatico che ha generato accuse, minacce al personale e alla dirigenza dell’ente impedendo lo svolgersi sereno della preziosa attività quotidiana. Gli amministratori locali conoscono la serietà dell’Ente e la cura posta a garantire la migliore qualità di vita alle persone ospiti sostenendone le fragilità e i bisogni relazionali e socio-sanitari, l’attenzione ad ogni persona pur nella complessità che accompagna spesso l’invecchiamento.

Nell’anno in corso l’Istituto ha mostrato una grande capacità di gestire i problemi connessi alla pandemia, cercando di garantire tutte le forme di tutela degli ospiti e del personale, governando al meglio un fenomeno che ha messo in difficoltà le residenze per anziani in tutto il paese. In una fase così difficile per la dirigenza e il personale impegnato a fronteggiare una continua emergenza non possiamo che confermare la massima fiducia e solidarietà, il pieno riconoscimento nel lavoro svolto in favore di ogni persona accolta, di fronte ad una ingiusta campagna denigratoria.

 

Lecco, 14 dicembre 2020

Il Presidente del Distretto di Lecco

Guido Agostoni

La Presidente dell’Ambito di Lecco

Sabina Panzeri

  

14 dic 2020
5 per mille
Non costa nulla, ma vale molto

Nella propria dichiarazione dei redditi è possibile destinare una quota dell’imposta, pari al 5 per mille, a favore delle organizzazioni non profit, senza alcun aggravio di ciò che si deve versare.
I modelli CU, 730 e Unico contengono un riquadro “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, dove apporre la propria firma, riportando semplicemente questo codice fiscale :

83005730136

Come possiamo aiutarti? +39 0341 497172